Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

La stagione più magica dell’anno è anche quella a più alto rischio di sprechi. L’app Trainline ha stilato cinque consigli per essere sostenibili durante la Feste. A partire dall’albero di Natale, simbolo del calore famigliare e una delle tradizioni più care. Fatelo con addobbi home made, con composizioni di agrumi e cannella, per esempio, oppure con biscotti al pan di zenzero. E per le luci è meglio usare quelle a led che consumano meno e durano di più. Spostatevi usando i mezzi o raggiungete i mercatini di Natale più caratteristici con tutta la comodità del treno; fate pacchi con carta riciclata e riciclate quella dei regali che scartate. Scegliete doni che fanno bene al pianeta, potete piantare un albero di cacao attraverso la piattaforma Treedom e seguirlo in tutte le fasi di crescita , e a tavola optate per frutta e verdura di stagione, ancora meglio se a chilometro 0: la qualità è migliore e l’impatto ambientale è ridotto.

L'articolo 5 modi per essere sostenibili durante le feste sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Quest'anno hanno sfilato, festeggiato e fatto selfie insieme, quindi non sorprende che Imaan Hammam, una delle modelle più richieste, sia circondata da abiti firmati da Fenty di Rihanna, quando Vogue va a trovarla nel suo hotel a Londra, in anticipo di The Fashion Awards 2019. "Ho incontrato Ri allo show Fenty x Puma e... ci piace semplicemente essere connesse", dice. "Da allora, siamo diventate davvero buone amiche e la vedo sempre".

A parte la stessa Rihanna,è la prima volta che Fenty veste una star per un red carpet: "Ci sono molti abiti qui, pronti per me, realizzati per me, grazie Ri!", scherza Imaan. Li sto guardando tutti e sono già ossessionata." Anche lo stylist di Rihanna (e vicedirettore creativo di Fenty) Jahleel Weaver è a disposizione per aiutare. Guardate come i due restringono la scelta a tre opzioni: un abito in jersey, un abito scollato sulla schiena e una gonna avvolgente, completa di dolcevita. La visione di Jahleel per Imaan? "Super sexy ma comunque elegante, ti sentirai davvero a tuo agio e sarei perfetta per rutta la serata".

Osservare lo stile di Imaan ci fornisce un indizio su quale abito probabilmente vincerà: “Mi piace stare comoda. E adoro i completi: penso che una donna in tailleur sia molto sexy, non è sempre questione di scoprirsi".

A soli 23 anni, la modella olandese ha già all'attivo 10 anni di carriera: è stata scoperta all'età di 13 anni alla stazione centrale di Amsterdam. Da allora, ha collezionato 10 copertine di Vogue, incluso il suo debutto per il numero di settembre 2014 di Vogue US, insieme a Joan Smalls, Cara Delevingne, Karlie Kloss, Arizona Muse, Edie Campbell, Fei Fei Sun, Vanessa Axente e Andreea Diaconu, dedicato alle “Instagirls ". Ha anche partecipato a campagne pubblicitarie e ha sfilato in passerella per artisti del calibro di Jean-Paul Gaultier, Givenchy, Hermès, Proenza Schouler, Chanel e Valentino; lavorando con fotografi di moda di Steven Meisel ad Annie Leibovitz, Mario Sorrenti e Inez & Vinoodh.

E quando non è con la sua squadra glam pre-passerella e red carpet (per questi premi, è la truccatrice afgana britannica Hila Karmand e l'hait stylist di New York, di origine tedesca con radici franco-africane, Hos Hounkpatin), Imaan si dedica ad aiutare le ragazze che un giorno potrebbero voler seguire il suo percorso. Nata da padre egiziano e madre marocchina, è stata portavoce di questioni riguardanti la diversity della moda e nel settembre di quest'anno è diventata ambasciatrice della organizzazione non profit She's The First, la cui missione è eliminare la disuguaglianza di genere dando potere alle ragazze attraverso l'educazione.

Il suo miglior consiglio di moda? "Indossa sempre scarpe comode". E chiedi al truccatore di farti un massaggio e una maschera: "Magari per il collo, perché il collo deve avere un bell'aspetto!"

Per scoprire quale outfit di Fenty sceglierà guardate il video e venite dietro le quinte con la modella Imaan Hammam, prima dei British Fashion Awards 2019.

Crediti

Head of Video: Ezzie Chidi-Ofong Director: Tom Gilfillan Director of Photography: Kurt Riddell Makeup artist: Hila Karmand, at One Represents Hair stylist: Hos Hounkpatin

With thanks to: Fenty Jahleel Weaver, Deputy Creative Director, Fenty The Rosewood London



Continua a leggere

L'attesissima nuova collezione Chanel Métiers d'art 2019 2020 è andata in scena a Parigi, con una sfilata spettacolare all'interno del Grand Palais. Spettacolare tanto per gli allestimenti (con una riproduzione della celebre scala di specchi voluta da Gabrielle), quanto per le straordinarie decorazioni dei look in passerella, realizzate dai maestri artigiani dei celebri atelier di rue Cambon 31.

La nuova collezione Chanel, la prima delle collezioni Métiers d'art interamente creata sotto la direzione artistica di Virginie Viard, è caratterizzata da un guardaroba prezioso che reinventa alcuni degli elementi più emblematici della maison parigina. Il motivo matelassé torna sui tailleur ricamati con cristalli multicolor, le perle di Coco riempiono gli abiti da sera con decorazioni all over su seta e organza.

Ma sui look indossati dalle top model, tra cui Vittoria Ceretti e Gigi Hadid, anche tanta voglia di novità con delicatissime stampe sfumate multicolor sui tessuti leggeri plissettati, e tailleur sfoderati in pizzo dorato.

Voglio che sia sempre prezioso indossare un vestito Chanel. Virginie Viard

La collezione Chanel Métiers d'art 2019 2020 è un vero trionfo del savoir faire artigianale degli atelier di ricamo Lesage e Montex, dei maestri di Lemarié specializzati in decorazioni di fiori e piume, e della creatività contemporanea di Virginie Viard.

Guardate anche il "making of" di uno degli outfit dello show.



Continua a leggere

Le borse fasciatoio, o fasciatoi da viaggio, sono indispensabile quando si devono portare con sé tutti quegli oggetti utili per effettuare il cambio del pannolino nel momento in cui si è fuori casa per un viaggio o per una passeggiata. Per questo motivo è necessario che siano capienti e strutturate in maniera tale da poter contenere tutto in ordine. Scopriamo insieme quali sono le migliori in commercio.Continua a leggere

Continua a leggere

Decorare la casa per Natale è fondamentale, se volete portare l'atmosfera delle feste nel vostro appartamento, e rendere tutto più magico. Partite dalla scelta dei colori e poi date il via alla vostra creatività, scegliendo come allestire i diversi ambienti, compresa tavola, porte, finestre, cuscini. Ecco alcune idee a cui ispirarsi.Continua a leggere

Continua a leggere

Una capsule collection rende omaggio alla lunga storia della maison Lanvin, nata 130 anni fa

La prima boutique di Jeanne Lanvin apre nel 1889, data che coincide nei testi di storia della moda con la nascita della Maison. La piccola modisteria in rue du Faubourg Saint-Honoré diventerà la più antica maison francese, prima haute couture e poi di prêt-à-porter.

Ora, il nuovo Direttore Creativo Bruno Sialelli ha reso omaggio alla storia storia di Lanvin, realizzando una capsule collection: The 130's è un viaggio creativo nel tempo e tra gli archivi.

Nella mini collezione troviamo un chiaro riferimento al modello Art Deco, Guilhem, della collezione Inverno 1920, all'iconica blusa di seta e paillettes oro della collezione Estate 1927, o il maestoso cappotto con ricami della collezione Estate 1936.

Parallelamente, come seconda fase di questa capsule collection, Bruno Sialelli ha accuratamente selezionato alcuni dettagli dell'archivio Lanvin, come la stampa asiatica anni 20, lo schizzo Angelo, il tappo dorato della fragranza Arpège e lo storico logo di Jeanne con la figlia Marguerite.



Continua a leggere

Oltre alle extension applicate con maestria dall’hairstylist e che durano molti mesi, ci sono anche quelle bioadesive riutilizzabili pensate per dare un twist in più al look e per infoltire i capelli sottili. Perfette da sfoggiare durante la stagione delle feste perché consentono di cambiare acconciatura tutti i giorni e di avere volume extra. Great Lenghts ha creato GL Tapes, le nuove extension adesive naturali, veloci da applicare, riutilizzabili, disponibili in 72 tonalità. L’applicazione è facile perché i GL Tapes vengono applicati grazie ad un apposto applicatore “a sandwich” che racchiude parte dei capelli. Ne esistono cinque tipologie diverse a seconda delle necessità. Le GL Mini, per esempio, sono pensate per la frangia, le Tapes+ sono perfette per essere applicate nella parte superiore dello scalpo, mentre con il modello Piano si può giocare con colori pop.

L'articolo Per il look delle Feste ci sono le extension riutilizzabili sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Zara sta avviando progetti sempre più in linea con le ultime tendenze, o per meglio dire necessità, dell’industria della moda. Dopo aver lanciato Join Life, una collezione/programma sostenibile che mira a offrire al consumatore prodotti eco e realizzati con bassi tassi di inquinamento, il brand presenta oggi Edited x Zara, una capsule collection di borse personalizzabili che offrono al pubblico il suo primo servizio di customizzazione.

Courtesy Zara
Courtesy Zara

Le borse della collezione Zara hanno un design semplice ed essenziale, versatile sotto tutti i punti di vista, sia nella forma che nel colore. La palette è sobria, con tonalità che vanno dal bianco al nero passando per il grigio e il beige. I modelli disponibili includono una shopper, una clutch morbida e una tracolla, ognuna di questa realizzata in pelle conciata seguendo tecniche sostenibili e poco inquinanti. Gli accessori della linea sono inoltre certificate dal Leather Working Group, ovvero sono prodotti utilizzando solo energie rinnovabili e tecnologie che riducono il consumo di acqua.

Courtesy Zara
Courtesy Zara

A questi elementi, Zara aggiunge la possibilità di personalizzare la borsa, tramite un servizio di incisione che permette di customizzare la borsa con le proprie iniziali.



Continua a leggere

Melania Trump è volata a Londra per partecipare alla serata di gala per i 70 anni della Nato e per l'occasione ha puntato tutto su un look color block davvero trendy, abbinando il giallo al fucsia. Il dettaglio che ha attirato le attenzioni dei media, però, è il prezzo della mantella, venduta a quasi 5mila euro.Continua a leggere

Continua a leggere

Famiglie

Un uomo e il suo cane affacciati sull’oceano. Due amanti che si baciano alla stazione del treno. La cena della vigilia, una famiglia disfunzionale. Una festa di carnevale. Un figlio, una madre, otto sorelle. Il Natale dei cinque anni. La polaroid di un’estate lontana. Un famoso scrittore e il suo fidanzato ragazzo che litigano su Trump. Un’attrice transgender che sogna un marito, e dei figli cui insegnare a diventare la versione migliore di loro stessi. Foto di famiglia sul comò. Foto di famiglia imbarazzanti, nascoste in un cassetto. Ritratti di famiglia in un interno. Figlie che si fotografano con le madri, che poi è un po’ come vedersi attraverso lo specchio. Figli eroi di Instagram. Cartoni animati di spose bambine. Fratelli e sorelle che hanno attraversato assieme le notti di Milano. Una mamma, due figlie, due padri; una signora, i suoi gatti e i suoi cani; lui e lei e due bambini; lui e lui e due bambine; due fidanzati: lui ha appena portato a termine la transizione; due fidanzate con l’anello al dito; due compagni, due cavie peruviane, un’iguana, un drago barbuto, un camaleonte, un geco, vari pesci tropicali, sei pappagalli inseparabili, quattro quaglie cinesi, cinque galline, due conigli. Le storie di questo numero dicono che non c’è mai niente di sbagliato, né di asimmetrico, nell’amore. E, qualsiasi cosa ne pensi il legislatore, famiglia, e casa, è dove lo decide il cuore.

(English Text)

A man and his dog overlooking the ocean. Two lovers kissing at the train station. Dinner on Christmas Eve, a dysfunctional family.  A carnival party. A son, a mother, eight sisters. Christmas at five years old. The polaroid of a distant summer. A famous writer and his young boyfriend arguing over Trump. A transgender actress who dreams of a husband, and children whom she can teach to become better versions of themselves. Family photos on the dresser. Embarrassing family photos, hidden in a drawer. Family portraits in a domestic interior.  Daughters who photograph themselves with their mothers, which is a bit like gazing into the mirror. Instagram’s child heroes. Animated cartoons of girl brides.  Clubbers who became brothers and sisters around Milan’s nightlife. A mother, two daughters, two fathers; a lady, her cats and her dogs; him and her and two kids; him and him and two daughters; an engaged couple where he has just completed transitioning; two girlfriends with rings on their fingers; two male partners, two Peruvian guinea pigs, an iguana, a bearded dragon, a chameleon, a gecko, various tropical fish, six inseparable parrots, four Chinese quails, five hens, two rabbits.  The stories in this issue show that there is never anything wrong, or asymmetrical, in love. And no matter what the lawmakers think, one’s family and one’s home is where your heart decides.



Continua a leggere

Mert & Marcus firmano il servizio di copertina A Family Drama per il numero di dicembre di Vogue Italia. Insieme ai due fotografi, famosi per aver cambiato l’immagine di moda puntando su digitale e post-produzione, ha lavorato la stylist Katy England.

Ecco alcuni scatti tratti dallo shooting.

Da sinistra. Mino: blusa con fiocco e gonna di seta e chiffon, Burberry. Ingo: giacca, Dunhill; collo alto, Bottega Veneta; pantaloni, Lemaire. Rebecca: blusa con ruches e jeans, Celine by Hedi Slimane. Nadja: abito in twill stampa
Da sinistra. Mino: blusa con fiocco e gonna di seta e chiffon, Burberry. Ingo: giacca, Dunhill; collo alto, Bottega Veneta; pantaloni, Lemaire. Rebecca: blusa con ruches e jeans, Celine by Hedi Slimane. Nadja: abito in twill stampa "Mermaid Shapes", Valentino; cintura, Valentino Garavani; orecchini 1980’s vintage Givenchy e spilla, Susan Caplan.
Mert & MarcusDa sinistra. Rebecca: abito di seta, The Vampire's Wife. Sonny: giacca, Balenciaga; camicia, Budd. Meghan: abito di lana lamé, Gucci. Henry: camicia Dsquared2. Mino: giacca in jacquard misto seta, Giorgio Armani; dolcevita di cashmere Ultrasoft, Falconeri; collana
Da sinistra. Rebecca: abito di seta, The Vampire's Wife. Sonny: giacca, Balenciaga; camicia, Budd. Meghan: abito di lana lamé, Gucci. Henry: camicia Dsquared2. Mino: giacca in jacquard misto seta, Giorgio Armani; dolcevita di cashmere Ultrasoft, Falconeri; collana "Monete" in oro rosa, con moneta antica in bronzo, malachite e pavé di diamanti, Bulgari Alta Gioielleria. Nadja: abito bohemian, Celine by Hedi Slimane. Ernie: giacca di velluto, Giorgio Armani. Yasmin: abito, Beautiful People; collana, Mairead Lewin Vintage.
Mert & Marcus

Crediti moda

Photography by Mert & Marcus Styling by Katy England Models: Nadja Auermann @ Viva, Sonny Hall @ KMA, Yasmin @ Let It Go Management, Josephine de la Baume @ Tess, Rebecca Leigh Longendyke @ Storm, Henry McMaster, Daniela Velez, Mino Sassy @ Silver, Meghan Roche @ Img, Perry @ Elite, Ernie @ Grey Model Agency, Ingo @ Tiad. Hair Syd Hayes @ Art and Commerce Make-up Lucia Pieroni @ Streeters Manicure Lauren Michelle Pires @ D+V Management Set Designer Thomas Petherick @ Streeters On set Palm Production, ​Leonard Cuinet-Petit, Madeline Jensen Casting: DM Casting, ​Piotr Chamier Casting, Hannah Lane Casting

In apertura la cover del numero di dicembre: in primo piano, Rebecca: abito di crochet, Celine by Hedi Slimane. Collana “Serpenti” in oro rosa con tormalina rosa ovale, smeraldi, pavé di diamanti e collana in oro rosa con tormaline, perle, ametiste, brillanti, pavé di diamanti. Tutto Bulgari Alta Gioielleria. Sullo sfondo, da sinistra. Yasmin: abito, Beautiful People. Perry: cardigan di lana e camicia, Celine by Hedi Slimane. Ernie, Meghan. Nadja: abito bohemian, Celine by Hedi Slimane. Mino: giacca ​in jacquard misto seta a stampa tartaruga, Giorgio Armani; dolcevita di cashmere Ultrasoft, Falconeri. Collana “Monete” in oro rosa, con moneta antica in bronzo, malachite e pavé di diamanti, Bulgari Alta Gioielleria. Sul viso, l’effetto rescue di Crème Réparatrice al burro di karité, Sisley.

Sfogliate il servizio fotografico sul numero di dicembre di Vogue Italia, in edicola dal 5 dicembre.


Continua a leggere

Siamo un po' confusi. Nel momento in cui l'e-commerce sta vivendo ormai un'espansione da impero romano, con un'espansione a macchia d'olio che sta lentamente rosicchiando sempre più quote di mercato al retail tradizionale con politiche di marketing aggressive (consegne lampo, scontistica estrema, politica dei resi accomodante), Instagram, il più grande ponte tra volere e acquisto, cosa fa? Apre un retail fisico.

Il social network/social funnel per eccellenza che trasforma il desiderio in realtà passando da un tap sullo schermo, ha deciso infatti di aprire il suo pop-up store nel flagship store di Selfridges a Londra in tempo per Natale.

All'interno del temporary store di Instagram si potrà trovare una selezione dei brand (che vanno dal vestiario all'homeware) che sono nati proprio su Instagram e a cui devono il loro successo tra cui The Frankie Shop, One DNA, Kim Shui o, sul fronte dei gioielli, MENĒ che vende le proprie creazioni di gioielleria a peso.

Il pop-up store di Instagram aprirà a Selfridges a Londra tra il 5 e il 15 dicembre.



Continua a leggere

Tutto sull’evento artistico e mondano più internazionale: l’inaugurazione della stagione lirica del Teatro alla Scala, sabato 7 dicembre, con l’opera Tosca.

Mai rappresentato quale titolo d’apertura, il capolavoro di Giacomo Puccini non è una ripresa tra le tante, ma conferma l’impegno della Scala e del suo direttore musicale Riccardo Chailly a rileggere il repertorio operistico italiano secondo le ultime ricerche critiche. Nuovo atto del suo “progetto pucciniano”, questa edizione riporta in scena la partitura del debutto, al Teatro Costanzi di Roma il 14 gennaio 1900. Otto interventi per un totale di un centinaio di battute musicali in più: non molte, ma faranno la differenza per chi conosce l’opera, collocati come sono in punti nodali della partitura.

Netrebko e Meli
Netrebko e Meli

Senza alterare lo spirito di un titolo popolarissimo: modello di melodramma intensamente emotivo con le sue celebri romanze (“Vissi d’arte”, “E lucevan le stelle”), a un ascolto critico opera finemente coesa e sperimentale. Fedelmente riprodotto da Treccani con la sua copertina dai decori floreali allora tanto in voga, il libretto originale rievocherà l’atmosfera di quel volgere di secolo.

Una svolta interpretativa, pur nel rispetto del testo, verrà invece dalla regia di Davide Livermore, che con l’opera inaugurale dello scorso anno aveva conquistato il pubblico con un allestimento a tinte forti, completo di video dagli effetti cinematografici. Set ideale per la diva Anna Netrebko, soprano russo celebrata come massima interprete del nostro tempo, anche della parte della cantante Floria Tosca. Nota ben oltre il mondo della lirica per la sua storia di Cenerentola russa dalla irresistibile ascesa, è donna affascinante e di temperamento. Alla sua quarta inaugurazione scaligera, la cantante è affiancata da due campioni del canto italiano: il tenore Francesco Meli nel ruolo del pittore Cavaradossi amato da Tosca e il baritono Luca Salsi nella parte del crudele barone Scarpia.

Netrebko e Amisano
Netrebko e Amisano

Per chi non potrà assistere alla prima rappresentazione o alle successive recite (oltre all’anteprima giovani del 4, il 10, 13, 16, 19, 22 dicembre e il 2, 5, 8 gennaio, queste ultime con Saoia Hernández nel ruolo principale), innumerevoli sono le occasioni per non perdere Tosca. Come d’abitudine l’opera sarà trasmessa in Italia in diretta su Rai 1, Rai 1 HD e on line sul portale Rai Play (visibile per 14 giorni), in differita da Rai 5 e all’estero da molti canali televisivi nazionali. Ideale visione lo schermo cinematografico di 30 sale italiane e altre innumerevoli nel mondo, in diretta o differita.

Anna Netrebko
Anna Netrebko

Per i milanesi un regalo consolidato è la “Prima diffusa”: 50 eventi collaterali all’opera, tutti gratuiti, tra cui proiezioni in una quarantina di sedi e i due videowall in Galleria Vittorio Emanuele.

Per 500 happy fews con il biglietto per il 7 dicembre, l’ultimo atto gourmet della serata andrà in scena, come tradizione, alla Società del Giardino, il circolo privato che ospita la Cena di gala. Cinque i saloni allestiti ispirandosi a Tosca, secondo il gusto napoleonico di velluti indaco e cremisi, decorazioni floreali e stoviglie d’epoca. Già noto il menu, firmato dallo chef tristellato Salvatore Quartulli per Caffè Scala. In omaggio alle origini di Puccini gli antipasti avranno sapori toscani: minestra di cavolo nero e piccione, ceci, seppioline, caciucco. Intitolato a Cavaradossi e di tradizione meneghina il primo piatto: risotto con rape rosse e gorgonzola. Come secondo “tenerezza di vitello” con contorno di millefoglie di funghi e patate e a chiudere gelato al cioccolato fondente e zabaione al rhum. Appena terminati gli applausi anche il retropalco ospiterà un buffet, con piatti in stile Tosca, per le maestranze: 500 insostituibili artefici della prima alla Scala.

Informazioni www.teatroallascala.org

Una scena dal primo atto
Una scena dal primo atto


Continua a leggere

Fino all'8 gennaio lo spazio Marsèll Paradise di Milano presenta "A theme is not an exhibition", mostra fotografica di Bastien Gomez, Dario Salamone, Ivo SekulovskiLuca Grottoli, Romain Mader e Todd Deutsch, concepita e realizzata da tre dei sei autori - Dario Salamone, Ivo Sekulovski e Luca Grottoli. Quest'ultimo dato non è da sottovalutare; come suggerisce il titolo, la collettiva intende "sperimentare un nuovo approccio alla curatela e all'allestimento, mettendo in discussione la modalità con cui gli artisti e le loro produzioni vengono solitamente raggruppati e presentati". Gli autori - prevalentemente europei, nati tra il 1969 e il 1994 - hanno deciso di lavorare senza un tema specifico, guidati solo dall'affinità a livello creativo, e di mescolare e giustapporre le proprie opere, lasciando massima libertà di interpretazione al pubblico. La volontà di associarsi diviene così il tema vero e proprio dell'esposizione, in antitesi ad una certa "tendenza individualista che oggi appare dominante". In un'epoca come quella contemporanea dove la figura del curatore assume nuovi significati, raggiungendo un grado di protagonismo che talvolta offusca il lavoro dei singoli artisti, e dove quest'ultimi si sono trasformati in abilissimi promotori di se stessi, attenti tanto alla creazione delle opere quanto alla loro comunicazione, le riflessioni che "A theme is not an exhibition" ci invita a fare appaiono più che mai legittime.

A theme is not an exhibition
Luca GrottoliLuca GrottoliBastien GomezBastien GomezDario SalamoneDario SalamoneIvo SekulovskiIvo SekulovskiRomain MaderTodd DeustchTodd Deustch

Marsèll Paradise

05.12.2019 - 08.01.2020

Opening 04.12.2019, H 18-21

Via Privata Rezia, 2

20135 Milano



Continua a leggere


X

privacy